Progetti

Educare la Comunità nel donarsi: Onesti Cittadini e Buoni Cristiani

Il progetto Educare la Comunità nel donarsi: Onesti Cittadini e Buoni Cristiani intende cercare di dare una risposta a tre importanti problemi:

      • La difficile inclusione di bambini e ragazzi diversamente abili;
      • La difficile inclusione di bambini e ragazzi in condizione di deprivazione economica e culturale, che quindi vivono una situazione di povertà educativa, che genera e alimenta ulteriore emarginazione sociale;
      • La condizione di povertà educativa in cui versano molte madri e molti padri, da intendersi come scarsa dotazione di strumenti educativi, che genera a sua volta una scarsa capacità di integrazione sociale dell’intera famiglia di appartenenza.

L’obiettivo generale del progetto è contribuire a superare l’emergenza della povertà educativa degli adolescenti e dei giovani.

Gli obiettivi specifici sono:

      • Includere socialmente, culturalmente bambini e ragazzi con disabilità fisica e in condizioni di deprivazione socioeconomica e di povertà educativa;
      • Educare i ragazzi con la pratica della responsabilità del dono, in particolare del proprio tempo a favore di persone diversamente abili e socialmente svantaggiate, per permettere a queste ultime di vivere eventi culturali, sociali e sportivi e al tempo stesso far acquisire ai primi una dimensione socioeducativa costruttiva;
      • Migliorare le capacità educative nelle famiglie di provenienza delle persone svantaggiate e indirettamente anche di quelle dei volontari, favorendo il confronto delle esperienze e generando infine una dimensione comunitaria costruttiva.

Il perseguimento di tali obiettivi specifici avverrà attraverso una serie di azioni che genereranno a valle un duplice risultato per tutti: una maggiore sensibilità sui temi della cittadinanza responsabile e una più efficace capacità di favorire l’integrazione delle persone svantaggiate.

Le attività finora svolte sono:

      • Serate cinema;
      • Spettacolo teatrale sul tema delle disabilità;
      • Corso di educazione alla teatralità;
      • Spettacoli musicali;
      • Incontri formativi per educatori;
      • Incontri formativi per le famiglie;
      • Attività socio-educative per il coinvolgimento in particolare di adolescenti;
      • Centro Estivo minori 2020.